Torta di laurea Camicia e Papillon

Lunedi scorso finalmente il mio caro amico Raffa si è laureato!!!
Marketing e comunicazione aziendale!
Non poteva mancare la mia torta per festeggiare questa bellissima tappa raggiunta.
Trovare un'idea originale e non scontata non è stato tanto difficile. Diverso tempo fa, avevo adocchiato una torta in giro per il web di cui mi ero innamorata e volevo riprodurre ma non sapevo per chi realizzarla, appena giunta la richiesta mi si è accesa la lampadina...era finalmente giunto il momento giusto. Logicamente però l'ho riadattata per l'occasione ;-)
Ho preparato un pandispagna classico con bagna di latte, zucchero e acqua, farcita con la crema di brigadeiro e panna montata, ricoperta di panna e pasta di zucchero.

Ed ecco qui.....una bella camicia da smoking con papillon, tocchi da laureato come copribottoni e una ghirlanda di foglie di alloro come buon auspicio!!

Congratulazioni Raffa!!!!!

 

Sushi....per raccontare e ricordare

Quella che vi posto oggi non è una vera e propria ricetta ma è la condivisione di un piatto preparato per curiosità e per cercare di rivivere un bellissimo ricordo estivo.
Eh si perché proprio quest'estate, in vacanza, ho pranzato per la prima volta al ristorante giapponese, un ristorante spesso frequentato dei miei cugini a La Spezia, che hanno saputo pertanto ben consigliarci sui piatti da assaggiare.
Che dire....letteralmente colpita, folgorata....innamorata di quei sapori particolari.
Ho assaporato con gusto tutti i vari rotolini di sushi (tengo a precisare con pesce cotto) e gli ottimi piatti serviti....tutto troppo buono da rimanere con la voglia di quei piatti per giorni interi una volta rientrata a casa.
La settimana scorsa sono finalmente riuscita a trovare, senza fare troppi km, quasi tutto l'occorrente per realizzarlo in casa e così ho detto: perché non provarci??
Mi sono persa nei vari video di preparazione per rubare tutte le tecniche e i trucchetti per farli ad hoc e alla fine ho vinto la sfida, ci son riuscita e devo dire anche il sapore era veramente buono.
Sorprendendo il maritino, al rientro da lavoro, ho preparato una bellissima alzatina con qualche tipologia di sushi...hosomaki, futomaki, nigiri e uramaki, servita con salsa di soia e su una tavola ben apparecchiata con tovagliette americane di bambu e immancabili bacchette.
Prometto che appena diventerò più esperta condividerò con voi la ricetta e la preparazione....per il momento godetevi il mio racconto e il mio ricordo!!!

 

Focaccia zuccosa

Buon pomeriggio a tutti voi!
Qualche giorno fa avevo ricevuto da mia madre un barattolo di zucca bollita nel brodo, dopo aver preparato per pranzo un gustoso primo piatto con zucca e formaggio spalmabile, ho voluto utilizzare la restante zucca per preparare una focaccia, mi son chiesta...perché non proviamo a sostituirla alla patata lessa che solitamente uso per la mia focaccia barese?
E così planetaria da una parte e ingredienti dall'altra ho proceduto alla preparazione.
Con questa dose ne ho preparate due, una grande cotta sulla pietra refrattaria , che ho condito con pomodorini e olive e l'altra quadrata condita con cipolle agrodolci caramellate.
Graditissima anche dalla mia piccola di 6 anni.....e vi ho detto tutto!!

Ingredienti:
100 gr. semola rimacinata
500 gr. farina 1
200 gr. zucca bollita
50 gr. di olio
1 cucchiaino abbondante di sale
(se la zucca è bollita nel
 brodo, altrimenti 2
 cucchiaini)
1 cucchiaino di zucchero
350 gr. acqua
8 gr. lievito






Procedimento:
Sciogliere il lievito e lo zucchero in una tazza con una parte dell'acqua tiepida da utilizzare.
Se si utilizza una planetaria, mettere nella ciotola le farine, fare un piccolo foro al centro e aggiungere l'olio, azionare la planetaria a bassa velocità e piano piano aggiungere l'acqua con il lievito, amalgamare gli ingredienti e aggiungere la zucca frullata, l'acqua a filo e il sale.
Portare alla massima velocità e impastare per abbondanti 6-7 minuti.
Mettere la palla dell'impasto su un piano leggermente infarinato e fare delle pieghe all'impasto dall'esterno verso l'interno. Riporre anche nella stessa ciotola della planetaria, coprirla con la pellicola trasparente e porre in un luogo caldo a lievitare per circa 2-3 ore.
Finita la lievitazione, stendere l'impasto in una teglia e condirlo con pomodorini ciliegini, olive, origano e spennellare l'impasto con il miscuglio di acqua, olio in pari quantità e una punta di sale.
Se invece volete cuocere, come ho fatto io, su pietra refrattaria, stendere l'impasto su un grosso piatto di cartone spolverizzato di semola, condire come sopra e una volta ben caldo il forno, far scivolare l'impasto sulla pietra.
La seconda versione che ho fatto invece è cotta in teglia ed è semplicemente condita con cipolle caramellate in agrodolce. Durante la lievitazione, ho tagliato la cipolla a fettine sottilissime e le ho cotte in padella con un filo di olio, un po' di zucchero di canna, un paio di pizzichi di sale e un dito di acqua; a cottura ultimata ho aggiunto poco aceto balsamico e ho fatto sfumare.
Dopo aver ben condito le vostre focacce, infornare, in forno preriscaldato alla massima temperatura, nella parte più bassa per circa 10 minuti, se la desiderate più croccante, alzate la teglia nella parte superiore per circa 2-3 minuti.



Per impastare con il bimby, mettere nel boccale acqua, zucchero e lievito, 37° vel.1 per 1 minuto. Aggiungere le farine, la zucca, l'olio e il sale e impastare 1 minuto vel.4 e 4 minuti vel.Spiga, poi procedere come sopra indicato.

Buon appetito!!

Focaccia barese....integrale

E' da un po' di tempo ormai che si legge ovunque di quanto faccia male e sia priva di sostanze nutritive la farina 00, così sto cercando di sostituirla con la farina 1 e la farina integrale...per il momento, ottenendo ottimi risultati.
Domenica pomeriggio ho deciso di sperimentare la variazione integrale sulla mia ricetta collaudata della buonissima focaccia barese.
E questo è stato il risultato....direste mai dall'aspetto che si tratta di focaccia integrale??

Ingredienti:
100 gr. semola rimacinata
400 gr. farina integrale
1 patata media bollita
1 cucchiaino di zucchero
6 cucchiai abbondanti di olio
2 cucchiaini di sale
350 gr. acqua tiepida
8 gr. lievito di birra








Procedimento:
Sciogliere il lievito e lo zucchero in una tazza con una parte dell'acqua tiepida da utilizzare.
Schiacciare per bene la patata lessa.
Se si utilizza una planetaria, mettere nella ciotola le farine, fare un piccolo foro al centro e aggiungere l'olio, azionare la planetaria a bassa velocità e piano piano aggiungere l'acqua con il lievito, amalgamare gli ingredienti e aggiungere la patata, l'acqua a filo e il sale.
Portare alla massima velocità e impastare per abbondanti 6-7 minuti.
Mettere la palla dell'impasto su un piano leggermente infarinato e fare delle pieghe all'impasto dall'esterno verso l'interno.
Poggiare l'impasto in una teglia ben oliata, con le mani sporche dello stesso olio della teglia creare delle piccole pressioni sull'impasto in modo da ungerlo, in tal modo non si creerà la crosticina superiore. Mettere in un posto caldo e lasciare lievitare circa 2-3 ore. Dopo un'oretta circa allargare l'impasto nella teglia facendo pressione con i polpastrelli dal centro verso l'esterno.
Finita la lievitazione, condire l'impasto con pomodori rossi ramati, olive, origano e spennellare l'impasto con il miscuglio di acqua, olio in pari quantità e una punta di sale.
Infornare, in forno preriscaldato alla massima temperatura, nella parte più bassa per circa 10 minuti, se la desiderate più croccante, alzate la teglia nella parte superiore per circa 2-3 minuti.

Per impastare con il bimby, mettere nel boccale acqua, zucchero e lievito, 37° vel.1 per 1 minuto. Aggiungere le farine, la patata, l'olio e il sale e impastare 1 minuto vel.4 e 4 minuti vel.Spiga, poi procedere come sopra indicato.

Buon appetito!!

Tanti auguri a me!!!!!

Buongiorno!!
Ebbene si, domenica è stato il mio compleanno e, come ogni anno, non può passare senza essere festeggiato, perché ritengo importante festeggiare e condividere con la mia famiglia e i miei amici i momenti di gioia!!!
Quest'anno ho pensato di festeggiare nel pomeriggio intrattenendo i miei ospiti con thé, cioccolata calda con panna, e un piccolo buffet di dolci a fare da contorno alla mia torta di compleanno.
Per l'occasione ho preparato biscottini al burro a forma di classici ferri di cavallo e bustine del thé, bignè farciti con crema diplomatica, fiorellini di frolla con crema diplomatica e frutti di bosco caramellati, macarons con marmellata di amarene, finto cheesecake e....dulciss in fundo la torta di compleanno.
Premetto che la torta esteticamente non mi fa impazzire, perché (potevo farlo solo per me) ho dovuto rimediare ad errori di colorazione della pasta di zucchero, ma a detta di chi l'ha assaggiata, il sapore faceva di gran lunga dimenticare l'aspetto e di questo ne vado orgogliosa.





 

Torta Minnie

A grande richiesta una nuova torta di Minnie in versione rossa, questa volta, per festeggiare il primo compleanno di una bellissima bambina.
Questa volta dalla torta vien fuori una bella faccia simpatica di Minnie, realizzata con un dummy rivestito di pdz, la base è un pandispagna classico farcito con bagna al latte, crema diplomatica e croccantini ai tre cioccolati, ricoperto di panna montata e pdz.
Auguri piccola Benedetta e....Buona vita!!!!

 

Crostata di amarene e noci

Questo fine settimana la mia piccolina mi ha chiesto di preparare un dolce diverso dai classici con il cioccolato, voleva specificatamente la crostata con la marmellata e così ho sfoderato dal cassetto dei ricordi una ricetta preparata da una mia cara amica di infanzia e ho preparato questa delizia che è durata, ahimè, solo poche ore.
Per la frolla ho utilizzato la mia consolidata ricetta che non mollo più e ho abbinato due ingredienti, per la farcitura, che si sposano perfettamente....amarene e noci.
Ma veniamo alla ricetta.

Ingredienti per la frolla:
250 gr. farina
150 gr. burro morbido
100 gr. zucchero
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaino di Lievito
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 pizzico di sale
Ingredienti per la farcitura:
300 gr. marmellata di amarene
2 cucchiai di cherry
1 cucchiaio di sciroppo di amarene
12-13 noci secche sbriciolate



Procedimento:
Preparare la frolla come consuetudine o procedere lavorando dapprima il burro con lo zucchero aggiungere le uova, la vaniglia, il lievito e poi pian piano incorporare la farina e il pizzico di sale. Lavorare poco l'impasto, avvolgere nella pellicola trasparente e conservare in frigo minimo 30 minuti.
Nel frattempo in un pentolino riscaldare, sul fuoco, la marmellata di amarene con lo cherry e lo sciroppo di amarene. Fare raffreddare.
Tirare fuori dal frigo la frolla, stendere 3/4 dell'impasto dello giusto spessore e metterla nella teglia per crostate, adagiare la farcitura sulla frolla, fare delle palline con l'impasto della frolla rimasto e, insieme alle noci secche sbriciolate spargerle su tutta la superficie della crostata.
Infornare in forno caldo a 170° per circa 40 minuti, o almeno fino a doratura della crostata, fare raffreddare e cospargere di zucchero a velo.
 

Torta Frozen e il regno di ghiaccio

Nuova creazione dolciaria preparata lo scorso weekend per il compleanno di una piccola principessa di 6 anni amante del regno di Frozen.
Come basi pan di spagna con bagna al latte, acqua e zucchero, farcia di crema al cioccolato, copertura di ganache al cioccolato e pasta di zucchero, i personaggi sono giocattoli della Disney che la mamma ha scelto in modo che possano essere utilizzati anche dopo il compleanno.




Un compleanno speciale

Bentrovati amici, ritorno con voi dopo più di un mese di latitanza in cui ho dedicato il mio tempo quasi esclusivamente a me e alla mia famiglia!!
Nei primi giorni di agosto molto tempo l'ho dedicato alla preparazione di un compleanno molto speciale...il 6° compleanno della mia dolce e peperina principessa!!
Mi son fatta in quattro ma alla fine sono riuscita nell'intento di realizzarle quanto programmato e vi garantisco che non è stato affatto facile soprattutto perché sta diventando una grande criticona ed  è sempre più difficile accontentarla...ahaahahahah
Ho preparato la prima torta proprio il giorno del suo compleanno ma, dato che avrebbe spento le candeline al parchetto con gli amichetti, ho pensato di realizzare qualcosa di diverso dalla tradizionale torta, che non si sciogliesse e che si potesse distribuire con facilità.
E allora ecco qui la torta di marshmallow e caramelle gommose.



Per il giorno della sua festa, invece, successiva alla data di compleanno, il lavoro è stato duro ed intenso, ho preparato per giorni tutti i particolari in pdz di questa torta, ho dovuto sudare fino all'ultimo nella speranza che il caldo non facesse crollare la base della torta, già messa a dura prova da un lungo viaggio in macchina....ma alla fine ci siamo riusciti....la candelina è stata spenta e  la gioia della mia bambina nel mostrare la torta a tutti e la sua felicità di quel momento mi ha ripagato di tutti i sacrifici.
Alla fine i nostri figli sono la nostra gioia e la nostra ragione di vita....e non può essere diversamente.
Le basi sono pandispagna con bagna di latte, acqua e zucchero, farciti con crema diplomatica alla vaniglia e croccantini ai tre cioccolati, ricoperti di panna montata e pdz, solo il cappello è un dummy ricoperto di pasta di zucchero.



Torta "Una botta di ....amore"

Mi viene da ridere al solo pensiero di essere riuscita a realizzare una torta così, per certi versi, "osè" proprio per il mio maritino.
Partendo dall'idea di voler realizzare una festa a tema "brasile", purtroppo per questioni lavorative e organizzative non più realizzata, avevo pensato che questa fosse la torta più spiritosa e più adatta al tema.....ormai era nella mia mente e dovevo realizzarla nonostante tutto.
Tra l'altro mi son detta: "magari un po' di c...fortuna ci vuole in questo periodo, non può che portar bene!!""
Devo ammettere che mi sono un po' vergognata a presentare questa torta alla parte più adulta e più giovane della famiglia, ma con le giuste premesse abbiamo riso tutti insieme e allegramente abbiamo festeggiato il mio maritino!!!
Come base ho utilizzato un pandispagna al cacao farcito con crema al cioccolato bianco, wafer sbriciolati e gocce di cioccolato, ricoperto di tanta panna montata e pdz.


Buon compleanno mio dolce amore....e che la fortuna venga a noi!!! Ahahahahah

 

Torta "Minnie curiosa e vezzosa"

L'ultima torta di Topolino realizzata ha riscontrato molto successo, tanto che mi è stato chiesto di riprodurla in versione femminile con Minnie.
Sono stata molto contenta e, raffinando piccoli particolari della precedente versione, si sa che l'esperienza in segna a migliorare, e aggiungendo un tocco di vezzosità tutto femminile, è nata questa torta per i 2 anni della piccola Sofia.
La base di questa torta è un sofficissimo pandispagna, bagnato con sciroppo al latte, farcito con crema diplomatica e ricoperta di panna montata e pasta di zucchero.

Buon Compleanno piccola Sofia!!

 

Torta Angioletto della luce

Ci sono volte in cui hai in mano la pasta di zucchero, in testa un pensiero, nel cuore un sentimento......e nasce qualcosa di speciale.
Per te piccolo bimbo è stato un giorno speciale, una nuova luce rischiara i tuoi giorni e per te un angelo della luce ho creato per addolcire questa festa.
Semplicità dolce fatta di pandispagna all'acqua, bagna di latte sciroppato, crema diplomatica, ricoperta di panna e pdz.
Auguri piccolo ometto!!!

 

Torta "George Pig"

Lavorare e creare per i bambini è sempre una grande gioia!!
Colori vivaci, personaggi, allegria caratterizza le loro torte, così come questa dedicata a un personaggio tanto amato dai piccoli maschietti George Pig e preparata per il mio piccolo cuginetto, amato come un vero nipotino, che è un mare in tempesta, in continuo movimento e sempre in cerca di qualcosa da scoprire...ma con un sorriso contagioso che ti conquista dal primo istante!!
Le basi sono entrambi realizzati con chiffon cake classico farcito con crema diplomatica e gocce di cioccolato, ricoperti di panna e pasta di zucchero, decorazioni in pdz.

 

Pepite di pollo crick crock

Eccomi con una ricettina facile facile, veloce e sfiziosa, dedicata soprattutto al palato dei più piccoli di casa, dei nostri figli golosoni per cui bisogna inventarsi di tutto pur di farli mangiare.
Questa è una ricetta che avevo sperimentato diversi anni fa, ma che avevo cancellato dalla memoria fino a quando non ho letto la ricetta della mia amica Michela sul forum Chechef.
Avevo giusto un pacco di patatine aperto da consumare, quale momento migliore per riproporre questo piatto, allora?
E' assicurata la gara a tavola a chi mangia più pepite ^_^

Ingredienti:
Petto di pollo tagliato a cubetti
Patatine in busta
Aromi a piacere
Olio
Limone
Pochissimo sale









Procedimento:
In una coppa insaporire i cubetti di pollo in olio, limone, aromi vari e un pizzico di sale.
In una busta per alimenti spezzettare le patatine, aggiungere una manciata di pangrattato e mescolare.
Aggiungere le pepite di pollo e sbattere la busta, se le patatine non hanno ben aderito al pollo, mettere tutto in un piatto e schiacciare bene con le mani, disporre poi tutto su una teglia con carta forno, passare un giro di olio su tutta la carne e infornare a 190°, forno preriscaldato, per circa 15 minuti.
A piacere, se gradita, una spruzzata di limone fresco!
Buonissimissimo!!!
 

Torta Mickey Mouse curiosone

Mickey Mouse curiosone che sbuca dalla torta.......la mia ultima creazione in pdz per stupire il piccolo Simone in occasione del suo 3° compleanno.
Una choco chiffon cake farcita di crema chantilly e gocce di cioccolato, ricoperta di pdz con decorazione in dummy e pdz.

Tutti stupiti, grandi e piccini.


 

Torta rose ribbon per la cresima di Claudia

Ciao amici miei, dopo tanto periodo di assenza per impegni personale e lavorativi, torno con voi con nuove ricette e nuove creazioni.
Oggi parto dalla fine e vi presento la mia ultima creazione in pdz realizzata per la cresima della nipotina di una mia amica.
Le sue uniche richieste erano il gusto della torta, il grosso fiocco e il colore giallo, poi mi ha lasciato libertà e io le ho realizzate queste deliziose e raffinate rose ribbon.
La base è un choco chiffon cake farcito con crema rocher e ricoperto di panna montata e pdz.
Non so voi....ma io adoro questa torta ^_^.




E questo è il particolare delle rose!!!

 

Pasta fresca affumicata

 
Sabato sera, cena tra amici, voglia di sfiziosità e di diversità.
Il tempo di preparare gli ingredienti e, mentre l'acqua bolliva e il sughetto era sul fuoco, spezzavamo la fame (io al volo) con birra, olive ascolane, mozzarelline panate e patatine.....
 
Un piatto con pochi semplici ingredienti per un abbinamento perfetto.
 
Ingredienti per 4-5 persone:
500 gr. pasta fresca
...per noi strozzapreti
1 melanzana grossa
12 fettine sottili di speck
150 gr. scamorza affumicata
olio q.b.
1 scalogno
sale e pepe
  
 
Procedimento:
Mettere a bollire abbondante acqua salata, tagliare la melanzana e la scamorza a quadrotti, lasciando una spessa fetta che andrà poi grattugiata prima di servire, tagliare a striscioline 10 fettine di speck. Arrostire in un tegamino le due fettine di speck rimaste, da entrambi i lati, e mettere su un foglio di carta assorbente. Mettere in freezer la fetta di scamorza (sarà più facile grattugiarla).
In una wok dorare uno scalogno con due cucchiai di olio e aggiungere la melanzana a quadrotti e poche striscioline di speck. Regolare di sale senza esagerare, ricordando che successivamente bisogna aggiungere l'altro speck e la scamorza affumicata. Lasciar cuocere a fiamma vivace, girando spesso con un mestolo.
Scolare la pasta e versarla nella wok con la melanzana, aggiungere altri due cucchiai di olio, un mestolo di acqua di cottura, lo speck e la scamorza a quadrotti e amalgamare velocemente gli ingredienti.
Versare nel piatto la pasta, adagiarvi su dei pezzettini di speck arrostito e una grattugiata di scamorza affumicata.
Servire immediatamente per gustare la scamorza filante.
Buon appetito!
 

Pane di semola del mio forno a lunga lievitazione

Buongiorno!!
Ritorno con voi dopo un pochino di assenza, tra giorni di festa, la mia bimba a casa, esperimenti in cucina e lavoro.
Torno con la mia più grande soddisfazione di questa Pasqua.....aver realizzato un pane di semola dal sapore e dalla croccantezza simile a quello dei panifici, ma realizzato nel mio speciale forno di casa!!!
Ho preparato un impasto, con 1 kg di mix di farina, che ho poi separato in tre diversi gusti, una pagnotta semplice semplice, dei piccoli panini con semi di papavero e un filoncino con noci e olive verdi, in acqua, tipiche pugliesi, snocciolate.

Ingredienti per l'impasto
800 gr. semola di grano duro rimacinata
200 gr. farina 00
700 gr. acqua tiepida
2 cucchiai olio
1 cucchiaino di zucchero
1-2 gr. lievito
2 cucchiaini abbondanti di sale

Ingredienti per la farcitura
Semi di papavero
Noci
Olive verdi in acqua snocciolate



Procedimento
In una grossa ciotola mettere l'acqua tiepida, lo zucchero e sciogliere il lievito, aggiungere la farina e mescolare per bene, aggiungere l'olio e il sale e amalgamare tutti gli ingredienti.
L'impasto è molto idratato quindi molliccio, potete aiutarvi con una spatola.
Una volta amalgamato tutti gli ingredienti lasciare a temperatura ambiente o nel forno spento per circa un'oretta. Prendere l'impasto e, con l'aiuto della spatola, fare delle pieghe, portare l'impasto dall'esterno verso l'interno, riporre su una spianatoia infarinata e creare delle pieghe all'impasto come si fa per la pasta sfoglia, fino a quando l'impasto non risulta liscio e compatto. (l'impasto continuerà ad essere molto morbido, ma non aggiungete farina, aiutatevi a recuperare l'impasto con la spatola)
oliare leggermente un contenitore ermetico o una grossa ciotola e riporre l'impasto.
Coprire con il coperchio, o con della pellicola trasparente, e riporre la ciotola in frigo per circa 48 ore.
Trascorso tale periodo togliere dal frigo l'impasto, lavorarlo nuovamente creando altre pieghe, se si vuole dividere l'impasto creando gusti diversi, è questo il momento di aggiungere altri ingredienti come olive e noci, e lasciarlo a temperatura ambiente per circa due o tre ore, formare la pagnotta di pane desiderato e infornare.
Se si utilizza la pietra refrattaria, arrivare alla temperatura del forno di 230° e far passare circa 5 minuti in modo che la pietra si riscaldi bene.
Forno caldo statico a 230° per i primi 10 minuti, poi abbassare a 180° e lasciare cuocere altri 40-50 minuti, io ho utilizzato la pietra refrattaria, dopo circa 30 minuti a 180° ho tolto la pietra e ho lasciato cuocere direttamente sulla griglia.
Raffreddare il pane per bene su una griglia prima di mangiarlo....
.....che sapore.....e che profumo!!!!

La scarcella pugliese rivisitata

Non c'è Pasqua senza scarcella......almeno qui a Bari.

Prima di ogni cosa è necessario spiegarvi che la scarcella è un dolce pasquale tipico della Puglia e di Bari in particolare. E' un grosso biscotto di pasta frolla che può assumere diverse forme, tutte a tema strettamente pasquale (conigli, campane, colombe, galline, cuori, cestini) che ha la particolarità di racchiudere, tra due strisce intrecciate, un uovo sodo. Questo, secondo la tradizione, simboleggia, la liberazione dal peccato originale, in quanto per mangiare la scarcella e l'uovo, è necessario liberarlo dall'intreccio del biscotto....da qui ne deriva anche il nome che in dialetto barese si dice "scarcedda".
Personalmente non mi ha mai entusiasmato il sapore originale della scarcella, caratterizzata dall'utilizzo dell'ammoniaca, né tanto meno amavo liberare l'uovo sodo, fino a quando non ho assaggiato la versione di mia suocera.....e da allora non l'ho più abbandonata.
Semplice, veloce, molto saporita e arricchita di ovetti di cioccolata, anziché di uova vere.
Ecco per voi la mia versione della scarcella barese.



Ingredienti:
500 gr. farina
200 gr. burro a pomata
200 gr. zucchero
2 uova
1 bustina di lievito

















Procedimento:
Versare su una spianatoia la farina, aggiungere zucchero e lievito, di seguito il burro e amalgamare gli ingredienti, aggiungere le uova una alla volta e impastare molto bene fino a formare una bella palla compatta.....come la pasta frolla.
Far riposare l'impasto, poi con un mattarello stendere l'impasto sulla spianatoia infarinata e iniziare a intagliare, con la rondella, le forme desiderate.
Rivestire con la carta forno le teglie e adagiare le scarcelle, spennellarle con tuorlo d'uovo sbattuto e cospargere i corallini di zucchero colorato.
Infornare a 180°, forno preriscaldato per circa 30 minuti.
Una volta raffreddate decorare con del cioccolato bianco fuso su cui adagiare gli ovetti di cioccolato.
Buonissimi!!!!!

Sofficissimo danubio salato

Questa è una ricetta che più volte ho riproposto in diversi buffet di compleanno, è versatile, si può farcire come più si desidera, sia in versione salata che dolce è eccezionale.....mai però, sino ad oggi, ero riuscita a fotografarlo in maniera tale che fosse adatto per condividere la ricetta!
Sabato pomeriggio ne ho avuto il desiderio e l'ho preparato....e questa volta la foto è venuta benissimo ahahahahah! Io l'ho farcito con prosciutto cotto e sottiletta e speck e sottiletta.


Ingredienti:
550 gr. Farina Manitoba
250 gr. Latte
50 gr. Olio
25 gr. Zucchero
10 gr. Sale
13 gr. Lievito di birra
1 Uovo
1 Tuorlo e un po' di latte
per spennellare












Procedimento:
Inserire nel boccale del bimby (ma voi potete tranquillamente impastarlo anche a mano o nella planetaria) latte, olio, zucchero, lievito, 1 uovo 10 sec. vel.6.
Aggiungere farina e sale 3 min. vel. Spiga
Mettere l'impasto a lievitare fino al raddoppio, circa un'oretta, successivamente formare delle palline di ugual peso circa, stendere ogni pallina e farcirla con ingredienti a proprio piacimento (stracchino e salsiccia, speck e scamorza affumicata, salame e galbanino o provola), sigillare bene l'impasto e sistemare, in una teglia ben oliata o ricoperta di carta forno, lasciando un po' di spazio tra le palline, lasciare lievitare ancora 1 ora circa.
Spennellare con un tuorlo e un po' di latte e infornare a 180° per 30 minuti.

Buon appetito!!
 

La colomba pasquale veloce

Buongiorno a tutti voi!!! Buona domenica e Buone Palme prima di tutto!





I miei auguri sono dolci stamattina, vi presento la mia Colomba veloce, ieri vi avevo anticipato solo la foto prima di infornarla, oggi son qui con foto finale e ricetta.
Premetto che ho riadattato una ricetta, trovata su internet, sia come tempistica di lievitazione, sia leggermente per qualche ingrediente utilizzato e soprattutto perché ho utilizzato il Bimby per impastarla.....questo però non vuol dire che anche con la planetaria o a mano non possiate ugualmente provarci.
La ricetta prevede solo tre passaggi di lievitazione rispetto alla versione classica, la ricetta è lunga, ma se avete volontà e pazienza è semplice ed il risultato è soddisfacente.
Passiamo ora ad elencare gli ingredienti e di seguito i vari procedimenti.

Ingredienti per l'impasto di 2 colombe da 750 gr.:
600 gr. farina manitoba o w350
200 gr. zucchero
250 gr, burro a pomata (morbido)
4 uova
20 gr. lievito
60 gr. acqua a 37° circa
1 fialetta di fiori di arancio
1 bustina di vanillina
zeste di mezzo limone
(in alternativa 1/3 fialetta aroma limone)
1 pizzico sale
120 gr. latte a 37°
80 gr. uvetta
20 gr. rum
50 gr. acqua per ammorbidire l'uvetta


Ingredienti per la glassa:
150 gr. mandorle spellate
120 gr. zucchero canna
45 gr. amido di mais
3 albumi d'uovo

Ingredienti per la decorazione:
zuccherini
mandorle a lamelle
qualche mandorla intera spellata

Partiamo con il procedimento che divido nelle varie fasi di lievitazione.
Un consiglio per chi utilizzi una planetaria al posto del Bimby, impastate a media velocità per non riscaldare troppo l'impasto.

Preparazione biga o lievitino:
Mettere nel boccale 60 gr. acqua e 20 gr. lievito e far andare 90 secondi vel.1 37°
Aggiungere 100 gr. farina, vel.50 30 sec. poi 3 min. vel. Spiga
Riscaldare il forno al minimo della temperatura per circa 2-3 minuti. Mettere l'impasto ottenuto in una ciotola di vetro coperta da pellicola, riporre nel forno leggermente riscaldato e lasciar raddoppiare di volume, circa 2 h e 30min.

Preparazione II impasto:
Mettere nel boccale la biga e aggiungere 400 gr. farina, 200 gr. zucchero morbidissimo, 125 gr. burro, vanillina, fiori di arancio e zeste di mezzo limone grattuggiato, 2 uova, 120 gr. latte a circa 37°.
Amalgamare gli ingredienti vel.5 1 min. Impastare per circa 4 min. vel.Spiga.
Se notate che il bimby, durante l'impasto inizia a riscaldarsi, spegnete e attendete che si raffreddi, e poi ripartite.
Chiudere l'impasto in una ciotola infarinata molto capiente chiudendola con un coperchio ermetico o, in mancanza, con la pellicola trasparente ma molto bene, in modo che non entri aria e non evaporino tutti i profumi.
Lasciar lievitare fino a che l'impasto si sia triplicato (io l'ho lasciato lievitare tutta la notte per circa 7 ore).
Mettere a bagno l'uvetta in 50 gr. acqua e 20 gr. rum.

Preparazione III e ultimo impasto:
Riprendere l'impasto e riporlo nel bimby, aggiungere i restanti 100 gr. di farina, 2 uova, 125 gr. burro morbido, lavorare per 1 min. vel.5, aggiungere l'uvetta con il suo liquido e impastare vel.Spiga per 3 min. o almeno fino a quando l'impasto sarà ben incordato, deve essere elastico.
Riponete ora l'impasto su una spianatoia e con una spatolina lavorate l'impasto facendo delle pieghe dall'esterno verso il centro, come se stesse chiudendo un fazzoletto e portate le punte verso il centro.
Ponete ora lo stampo da 750 gr. sulla bilancia, aiutandovi sempre con due spatoline prendete una parte di impasto di circa 450 gr. e versatela nella parte lunga e centrale dello stampo, poi prendete delle palline più piccole e riponetele nelle parti mancanti, il peso totale deve essere di 750 gr. circa.
La stessa cosa farete con il secondo stampo.
Livellate bene l'impasto, aiutandovi sempre con la spatolina, e lasciate asciugare l'impasto per circa 5 minuti. Nel frattempo passate alla preparazione della glassa.
Mettere nel boccale pulito 150 gr. mandorle, 120 gr. zucchero di canna, 45 gr. amido di mais e frullare per pochi secondi vel.Turbo, aggiungere gli albumi e lasciar impastare vel.1 2 min.
Passiamo a glassare la colomba, versiamo e livelliamo la glassa sull'impasto nello stampo e lasciamo lievitare per circa 2 ore, almeno fino a quando l'impasto non raggiunga quasi il bordo, deve rimanere circa un dito tra l'impasto e il bordo dello stampo.
Riscaldare il forno a 155°.
Arrivati a questo punto aggiungere la granella di zucchero e le mandorle, infornare a livello medio del forno, a 155° forno statico per circa 50 minuti.
Se volete la glassa più dorata e croccante, gli ultimi minuti spostare gli stampi nella parte più alta del forno.
E' pronta!!!!!!!

Ecco la foto dell'interno!!


Ora i commenti dopo la prova assaggio!
La prossima volta utilizzerò meno lievito, aggiungerò più profumi di arancio e limone e ammorbidirò l'uvetta solo nel rum, per rendere il sapore più deciso!
Nel complesso sono soddisfatta!!



La mia colomba veloce....anteprima!!

Buongiorno a tutti!!!
Quest'anno finalmente ci sono riuscita!!
Ieri sera mi son messa di impegno e ho iniziato le varie lievitazioni della colomba!
I miei tempi purtroppo sono ristretti, ma avevo tanto il desiderio di portare a tavola il più tipico dei dolci pasquali realizzato con le mie manine, così mi son messa alla ricerca e, prendendo spunto da una videoricetta dello chef Pietro Rainone, ho personalizzato e adattato la ricetta al mio gusto e al Bimby.

In anteprima per voi la foto della mia colombina prima di infornarla!!


....e dopo aver sperimentato il sapore, condividerò ricetta e foto finale!!

Uovo di cioccolato fiorito

Buongiorno!!
Domenica mattina, approfittando di un tempo uggioso, io e la mia piccola principessa ci siamo messe a pasticciare con la pdz....abbiamo pensato di decorare un uovo di cioccolato.
Così divertendoci con stampini, pennelli, coloranti e pasta di zucchero abbiamo dato vita a questa bellissima "creatura" con fiocco gigante scintillante, un ramo di fiori di ciliegio e una fantastica farfallina!!
Per essere il primo e per averlo fatto a quattro mani...possiamo ritenerci soddisfatte e con gioia lo condividiamo con voi!!



....e questo è la sorpresa che ho realizzato velocemente alla mia principessa, trasformando un piccolo ovetto kinder in una smorfiosa pulcinella!!

 

Parmigiana di patate

Ecco ora a svelarvi un mio punto debole.....le patate!
Si, avete capito bene, presentatemi qualsiasi piatto con le patate e io cado in tentazione, non riesco a rinunciare, come un buon gelato in un caldo giorno d'estate.
Quando ho visto, quindi, questa ricetta della mia amica Serena sul forum Chechef, non ho saputo resistere tanto e l'ho provata, rimanendo piacevolmente colpita...buonissima!!
Pochi semplici ingredienti per una ricetta molto sfiziosa

Ingredienti:
Patate lesse fredde
Sugo di pomodoro fresco
Mozzarella
Grana
Olio e Sale
Pangrattato
 
 
Procedimento:
Prima di ogni cosa lessare le patate, potete anche farlo il giorno prima, e quando sono completamente fredde, sbucciarle e tagliarle in fettine sottili.
Preparare un bel sughetto saporito di pomodoro con i profumi che più preferite. Io ho utilizzato il pelato passato con scalogno e basilico fresco. Tagliare la mozzarella o sgranarla con le mani.
Una volta preparati tutti gli ingredienti procedere alternando gli ingredienti in una pirofila precedentemente unta e spolverizzata di pangrattato.
Alternare uno strato di patate con sugo, mozzarella, una spolverizzata di grana e pangrattato e così fino a terminare gli ingredienti.
Serena suggeriva di terminare con uno strato di mozzarella spolverizzato di pangrattato, io non l'ho ricordato e ho terminato con patate e sugo, formando alla fine uno strato patatoso croccante...molto molto buono, soprattutto molto visibile in foto.
Infornare in forno caldo ventilato 200° per 25-30 minuti circa.

Buon appetito!!




Torta Vasetto di Nutella

Buongiorno a tutti voi.....oggi sarà un dolce buongiorno, dato che vi presento la mia ultima creazione dolciaria, una torta per un'amica che ha compiuto 26 anni e mi ha fatto questa richiesta particolare, ma meravigliosa....ero entusiasta di poterla realizzare.
Nonostante esteticamente rappresenti il vasetto della crema spalmabile più famosa al mondo, per la base ha preferito un semplice pan di spagna, bagnato con latte e sciroppo vanigliato (ho fatto bollire sul fuoco acqua, zucchero e una bustina di vanillina), farcito con crema diplomatica (crema alla vaniglia con panna montata), ricoperto di panna montata e pdz.
Piccola precisazione.....la nutella sulla fetta del pane è vera!!!


Buon compleanno Anto!!!!
La sorpresa e la gioia nei tuoi occhi mi hanno completamente gratificata!!

Saccoccio di brisée

Questa è la tipica ricetta  che io chiamo "svuotafrigo", quella ricetta che ti permette di consumare tanti avanzi presenti nel frigorifero, che presi singolarmente sembrano non servire a nulla.
Una pizza di brisée che volevo non finisse per quanto mi è piaciuta!!
Ecco ingredienti e procedimento...semplicissimo!!

Ingredienti:
1 rotolo di pasta brisée
1 peperone arrostito
6-7 funghi champignon
2 patate grosse lessate
5-6 pomodorini freschi
300 gr. mozzarelle
2 fettine di sottilette
olio sale e pepe q.b.








Procedimento:
Pulire e tagliare i funghi a fettine sottili, ripassarli in padella con un filo di olio, un goccio di acqua, a fine cottura salare.
Dopo aver fatto riposare la pasta brisée fuori dal frigo per una decina di minuti, srotolarla con tutta la sua carta forno e adagiarla in una tortiera, fare il primo strato di patate lesse tagliate a fettine sottili, regolare di sale e pepe e aggiungere un filo di olio e.v.o., aggiungere la mozzarella tagliata a pezzettini, i funghi, il peperone arrostito, precedentemente spellato e tagliato a listarelle, i pomodorini e per ultimo le sottilette. (Volendo potete anche alternare le sottilette con la mozzarella).
Sistemare i bordi della pasta brisée in modo da raccogliere gli ingredienti e infornare a 180°, forno già caldo, per circa 30 minuti, o almeno fino a doratura, sulla parta bassa del forno.
Anche leggermente tiepida è molto buona!!

The versatile Blogger award....un grazie speciale a Mariachiara e Pedro!

Profondamente soddisfatta e molto onorata devo ringraziare Pedro del blog "Mi Pequeno Rincon" e Mariachiara del blog "Il quaderno di Chiaretta" per aver scelto, nello stesso giorno, il mio blog per ricevere questo graditissimo premio!!!


Una volta studiato il regolamento, eccomi qui a condividere il premio con voi, ad elencare le regole da seguire e a comunicare i 15 bellissimi blog da me scelti, devo dire che non è stato per nulla facile!!!!

Regole
- Mostrare il logo del premio ricevuto sul proprio blog.
- Ringraziare il blogger o la blogger che vi ha nominato.
- Scrivere 7 cose su di voi.
- Nominare altri 15 blog.
- Mettere i link dei blog nominati e informarli del premio ricevuto.


E, come da regolamento, ecco 7 cose su di me:
1. Ho un fantastico marito e una bimba iperattiva di 5 anni.
2. Cucinare è la mia più grande passione.
3. Mi diletto in tante piccole cose, dal trucco ai capelli, dal cucito al bricolage.
4. Mi piace leggere, soprattutto libri che mi fanno viaggiare con la mente e che mi fanno sorridere.
5. Mi piace ricevere amici a casa.
6. Oltre la cucina salata mi piace tanto preparare torte e dolci, soprattutto decorate con la pdz.
7. Ho un sogno nel cassetto......aprire un piccolo bistrot.


Ed ora...rullo di tamburi.....ecco i 15 blog da me scelti:
1. Il cuore della casa: la cucina
2. Antipasti e non solo
3. Cucinare semplicemente
4. Passione light
5. La Cuocherellona
6. Lievitati e altro di Nadia
7. Il mestolo birichino
8. Pasticci in famiglia
9. Polvere Di Zenzero Candito
10. Dulcisss in forno by Leyla
11. Cooking with David 2012
12. Zuppa e pan bagnato di Rafil
13. Cucinare che passione
14. La Flò
15. Perle di sapore

 Grazie di cuore, continuate a seguirmi!!!!!

Zeppoline di San Giuseppe

San Giuseppe si avvicina e qui da noi, a Bari, da tradizione, si usa preparare e mangiare le famose zeppole fritte con crema e amarene!!!
A casa mia la frittura si ama poco, più per questione di salute, che di altro e così, da anni ormai io le preparo al forno.
Questa è la mia ricetta e non la cambio più con nessuna....provatele e non ve ne pentirete, armatevi solo di pazienza e il risultato vi lascerà senza parole.


Ingredienti per circa 25 zeppoline:
6 uova
300 gr. acqua
100 gr. burro
210 gr. farina 00
30 gr. farina manitoba
10 gr. zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 pizzico di lievito pan degli angeli


per la decorazione
Crema pasticcera
Amarene sciroppate Fabbri
Zucchero a velo


Procedimento:
 In un tegamino far sciogliere burro e acqua sul fuoco. Nel frattempo setacciare in una ciotola le farine, lo zucchero, sale e lievito. Appena il burro sarà completamento sciolto, unire il composto di farine tutto insieme e mescolare energicamente con un cucchiaio di legno fino a formare una palla e poi lasciar raffreddare il composto molto bene.
Una volta raffreddato completamente bisogna unire le uova una alla volta.
Questa parte l'ho eseguita con l'aiuto del bimby, ho inserito il composto nel bimby, con le lame in movimento a vel.4 ho inserito un uovo alla volta (per ogni uovo inserito mescolare vel.5 per 40 sec.). Appena pronto il composto versarlo in una sac a poche e formare le zeppoline su una teglia, precedentemente imburrata e ricoperta di carta forno, e infornare a forno già caldo, 180° per 30 minuti circa, fino a quando diventano belle dorate.

Per creare la zeppola dovete partire dal centro, creare una base e pian piano fare due giri solo sull'esterno.
In alternativa si possono anche friggere e allora procedete creando le zeppole su dei singoli quadrati di carta forno che immergerete in olio di semi ben caldo.
Lasciar raffreddare e guarnire con crema pasticcera, amarene sciroppate e zucchero a velo!!
Una goduria per il palato.

Una Mimosa tutta per me

Buongiorno bella gente e buona settimana!
Non so quale sia il vostro pensiero per la festa della donna, personalmente mi piace l'idea di ricordare tutte le donne che con la loro vita hanno cambiato la nostra, ma non mi piace festeggiarla.
Io ho trascorso la giornata e la serata come tutti gli altri sabato, con mia figlia e mio marito.....semplicemente però, ho approfittato dell'occasione, e mi sono preparata una golosissima torta mimosa!!! Una per me e una per la mia mamma!!


Ingredienti:
- Pandispagna
- Crema diplomatica all'ananas
- Succo d'ananas
- Ananas sciroppato
- Sciroppo d'ananas

Ingredienti per la crema:
400 gr. latte
100 gr. succo d'ananas
1 uovo
100-110 gr. zucchero
60 gr. farina
3 cucchiai panna montata
non zuccherata


Procedimento:
Ho preparato un sofficissimo pandispagna da 6 uova, 150 gr. zucchero e 150 gr. farina.
Mentre si montavano le uova con lo zucchero nello sbattitore, ho riscaldato il latte in un pentolino e in una pentola ho amalgamato per bene l'uovo con lo zucchero e la farina e ho aggiunto il succo di frutta all'ananas. Appena il latte ha raggiunto il bollore, ho spento il fuoco e a filo l'ho aggiunto alla cremina continuando a girare.
Ho riposto la pentola sul fuoco e, mescolando per non far attaccare sul fondo, ho aspettato che la crema iniziasse a bollire, ho spento la fiamma, ho travasato la crema in una ciotola di vetro, ho coperto con pellicola trasparente e ho lasciato raffreddare.
Ho terminato il mio pandispagna, dopo aver montato per circa 20 minuti le uova con lo zucchero, ho aggiunto la farina setacciata con un cucchiaio dal basso verso l'altro e l'ho versato in una teglia precedentemente imburrata e infarinata; ho infornato il pandispagna per circa 30 minuti a 180°, forno preriscaldato.
Una volta raffreddati gli ingredienti, ho aggiunto la panna montata alla crema e i pezzettini di ananas sciroppato e ho farcito il pandispagna.
Ho tagliato la parte superiore molto sottile, ho svuotato la torta lasciando un bordo laterale, che mi aiutasse a contenere la crema, e ho sbriciolato, con le mani, grossolanamente la parte interna in una coppa.
Ho bagnato la base e il bordo con succo e sciroppo di ananas, ho farcito con la crema, sporcando anche il bordo esternamente e ho ricoperto con il pandispagna sbriciolato.
Ho terminato con l'aggiunta di un bordino e una rosellina in pasta di zucchero.

Torta "Miss 110 e lode" 2

Ed eccomi qui a presentarvi la seconda torta realizzata per la laurea della mia cognatina!!
Una torta, come gusto, identica alla precedente, quindi choco chiffon cake farcita con crema al cioccolato e gocce di cioccolato bianco, ma per cui ho voluto realizzare come decorazione una bambolina che avesse, in qualche modo, le sue sembianze!!
Faccio tutto con passione, non per professione, quindi la mia soddisfazione è stata enorme....
ho conquistato i palati dei presenti e, cosa più importante, ho colpito al cuore della festeggiata.

Tanti cari auguri ancora Teresa e tanta, tanta, tanta, tantissima fortuna!!!!


 

Torta "Miss 110 e lode"

Ehhhh già, per la mia cognatina non poteva andare meglio!!!
Una tesi meravigliosa, che mi è rimasta molto impressa, in filologia moderna, premiata addirittura con la lode....davvero eccezionale!!
Così per festeggiarla le ho preparato questa bellissima torta, la prima di due, in cui ho voluto racchiudere gli elementi che penso la caratterizzino al meglio (e non vuole essere sicuramente una sviolinata questa, intendiamoci ahahahah) la rosa, indice di bellezza, il pizzo per la sua eleganza, i punti luci per il suo carattere solare e perché donano un tocco di classe e femminilità!
Sul topper della torta una corona di alloro e vischio come portafortuna, il libro della sua tesi e il famoso tocco del laureto!!
La base è una chiffon cake al cioccolato, farcita di crema pasticcera al cioccolato (di cui prometto di postarvi la ricetta al più presto) e gocce di cioccolato bianco, ricoperta di panna montata e pdz. Decorazioni interamente realizzate a mano.....anche le rose, in pdz e gumpaste.



 
Congratulazioni cognatina....siamo orgogliosi di te....che il successo bussi presto alla tua porta!!!!

Orzo perlato e verdurine

Vi è mai capitato di recarvi al supermercato e trovarvi più volte con un alimento particolare tra le mani che sembrava chiamarvi dallo scaffale, pensare e ripensare a come prepararlo, lasciarlo e riprenderlo ogni volta e alla fine cedere alla tentazione?
Ecco...è proprio quello che è successo a me con l'orzo perlato, sono stata sempre incuriosita, ma non avevo mai l'ispirazione giusta per acquistarlo, a dire il vero anche per il timore che potesse non piacere a casa...alla fine non ho resistito e l'ho acquistato.
Tornata a casa ho subito trovato, magicamente, l'ispirazione giusta per la ricetta, ottenendo il connubio dei sapori che desideravo in pochissimo tempo.
Una ricetta ideale anche da preparare in anticipo, magari in previsione di una gita fuoriporta visto l'arrivo imminente della primavera.


Ingredienti per 2 persone:
180 gr. Orzo perlato
1 Patata
1 Peperone piccolo rosso
Scalogno
1 carota
Olio
Sale e pepe









Procedimento:
Procedere, prima di ogni cosa con la cottura dell'orzo perlato, facendolo bollire in acqua bollente salata per circa 25 minuti, mettere la patata in un pentolino con abbondante acqua fredda e far cuocere per circa 7-8 minuti dal bollore, deve risultare leggermente cotta.
Nel frattempo in una wok dorare leggermente lo scalogno, io preferisco metterlo intero, con un filo di olio, aggiungere la carota e il peperone tagliati a cubetti e far cuocere a fiamma moderata e far cuocere per 5 minuti circa. Una volta sbollentata la patata, fatta raffreddare e sbucciata, tagliarla a cubetti anch'essa e aggiungerla nella wok. Continuare la cottura delle verdure per altri 5-6 minuti, regolare di sale.
Le verdure non devono appassire ma rimanere belle croccanti.
A questo punto aggiungere nella wok l'orzo perlato, che avete cotto separatamente, due cucchiai di olio evo e amalgamare tutti gli ingredienti a fiamma vivace, regolare di sale e pepe e servire....anche fredda vi assicuro che è una vera bontà!!


Buon appetito!!

Le chiacchiere della Pupa

Finalmente sono entrata anche io nel vivo del Carnevale...ho preparato le chiacchiere, come le chiamiamo noi a Bari.
Approfittando del fatto che ieri ero ospite a pranzo dai miei, ho dedicato la mattinata alla preparazione di questo tipico dolce carnevalesco....mi ha portato via un po' di tempo, ma la soddisfazione di distribuirle in famiglia, e a scuola della mia piccola, e di essere molto apprezzate, ha ricompensato tutta la faticaccia
Ecco le dosi e la ricetta!!
 
 
Ingredienti:
250 gr. farina 00
30 gr. burro sciolto
1 uovo + 1 tuorlo
2 cucchiai zucchero
3 cucchiai di vino bianco
1 cucchiaio RUM
1/2 fialetta aroma vanillina
1/2 cucchiaino lievito Pan degli Angeli
Olio di arachidi per la frittura
Zucchero a velo per la decorazione






Procedimento:
In una coppa inserire prima farina, zucchero e lievito setacciati, aggiungere pian piano gli ingredienti liquidi e amalgamare formando una palla.
Passare l'impasto dalla ciotola su una spianatoia e lavorare per bene, avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare circa mezz'ora.
Volendo potete preparare il giorno prima l'impasto, come ho fatto io, e la mattina successiva, stendere e friggere.
Armarsi di pazienza, l'impasto potrà sembrarvi un po' duretto, ma non preoccupatevi, basta prendere un poco di impasto per volta, lavorarlo nuovamente e stenderlo con la macchina per la pasta, io lo lavoro passando dal numero 1 fino ad arrivare al numero 7.
Una volta stesa la sfoglia, con il tagliapasta realizzare dei rettangoli larghi circa 3 cm e lunghi 8 cm, pizzicando al centro come a formare un fiocchetto.
Friggere in abbondante olio caldo per circa 30 secondi per lato, devono leggermente dorare, lasciare asciugare su carta assorbente.
Posizionare infine le chiacchiere poco per volta su un altro vassoio e spolverizzare con abbondante zucchero a velo!!

 

Risotto barbabietole e porro

Sabato avevo tanto desiderio di preparare un buon risotto, ma volevo fare qualcosa di diverso dal solito e, soprattutto, che potesse gradire anche mia figlia senza dover preparare piatti diversi.
Si perché lei ama molto il risotto allo zafferano e, ogni volta, mi trovo costretta a fare preparazioni diverse o ad aggiungere al suo piatto un pizzico di zafferano per colorare di "giallo" il suo riso.
Fortunatamente, però, è stata proprio una sua scelta al supermercato che mi ha fatto accendere la lampadina per una nuova idea che non avevo mai sperimentato.
Mi ha chiesto le barbabietole rosse già precotte che lei ama tantissimo condite come insalata.
E' andata, avevo trovato l'ingrediente giusto, anche perché sarebbe uscito un risotto fucsia, il suo colore preferito....non poteva assolutamente dirmi di no.....
Così tornata a casa mi son messa ai fornelli e ho portato in tavola questo profumato e colorato risotto, con un piccolo tocco floreale per la mia piccolina!!

Ingredienti:
250 gr. Riso Roma parboiled
2 barbabietole rosse
1 porro
450 gr brodo vegetale
2 cucchiai di parmigiano
40 gr. vino bianco secco
olio, sale e pepe q.b.







Procedimento:
Tagliare a fettine sottili il porro e farlo rosolare leggermente in un tegame con un cucchiaio di olio, aggiungere il riso e farlo tostare, girando in modo che non si attacchi, sfumare con il vino bianco.
Una volta sfumato il vino aggiungere il brodo e procedere come vostra abitudine per la cottura del riso.
Qualche minuto prima del termine della cottura, frullare le barbabietole rosse con il mixer o il frullatore ad immersione, salarle e aggiungerle al risotto.
Spegnere la fiamma, regolare di sale e di pepe, aggiungere il parmigiano e mantecare.
Se preferite potete aggiungere del burro per la mantecatura, personalmente preferisco il risotto senza burro.
Ho servito il risotto per la mia bimba con sopra una calla realizzata con una cialda di parmigiano, delle fettine di porro sottili per il gambo e un po' di barbabietola frullata...inutile dirvi che era entusiasta del piatto realizzato tutto per lei e ha divorato ogni chicco di riso fino all'ultimo.

Buon appetito!!

Astrattezza romantica

Il protagonista del piatto che vi propongo oggi è il riso venere, un riso integrale, originario della Cina, dal tipico colore scuro naturale come l'ebano.
Il nome di questo riso "Venere come la dea dell'amore" è dovuto al fatto che, in Cina, era considerato un cibo afrodisiaco.
Io e la mia famiglia lo adoriamo, per il sapore, ma soprattutto per il profumo simile al pane che si sprigiona durante la cottura e si diffonde in tutta la casa!!
Abitualmente mi piace molto abbinare questo riso alle zucchine e al salmone affumicato, questa volta però ho creato un abbinamento nuovo e delicato che mi è piaciuto sin dalla prima forchettata!!
Un piatto con forme e colori ispirati dall'amore, ma con un pizzico di astrattezza....ecco spiegato il titolo di questo piatto.
Ma veniamo alla ricetta e ai suoi ingredienti.


Ingredienti:
Riso venere
Pomodorini ciliegino
Olio al basilico
Piselli
Porro
qualche goccia di tabasco
Olio e sale q.b.














Procedimento:
Bollire il riso venere in abbondante acqua salata per circa 17-18 minuti.
Tagliare a fettine molto sottili il porro e farlo appassire in un tegame con un filo di olio, aggiungere i piselli (nel mio caso surgelati) e lasciar cuocere per circa 15 minuti a fuoco moderato, aggiungendo, all'occorrenza, un po' di acqua e regolando di sale.
Tagliare a cubetti i pomodorini.
Appena cotti i piselli, frullarli con un mixer ad immersione aggiungendo olio extra vergine di oliva a filo e un po' di acqua di cottura fino a raggiungere la densità della salsina desiderata.
Con la salsa creare una base sul piatto aiutandosi con un cucchiaio o con il leccapentole.
Scolare il riso, metterlo in una ciotola e condirlo con i pomodorini e l'olio al basilico.
(nel caso in cui non abbiate l'olio al basilico, condire precedemente i cubetti di pomodorini con olio e basilico spezzettato)
Posizionare un coppapasta sulla salsina di piselli e porro e creare una torretta di riso e pomodorini, nel mio caso ho utilizzato una formina a cuore.
Servire e gustare.

Buon appetito!!!





Torta "Nikon...e sono 30"

A due anni dalla realizzazione della torta con la maschera, eccomi a realizzare una nuova torta per il mio fratellino....anche se diciamola... a 30 anni non si può dire che sia tanto piccolo...
Quest'anno ero un po' in crisi a dire il vero, non avendo avuto spunti sulla festa e non volendo essere scontata nel fargli una torta sulla sua squadra del cuore, ho dovuto far funzionare abbastanza il mio cervellino.
Poi, con l'input della sua fidanzata, ho deciso di riprodurre una macchina fotografica, sua ultima passione, augurandogli di sorridere sempre alla vita, come in una foto, soprattutto ora che sta affrontando il difficile approccio al mondo del lavoro.
Ho preparato come base un moka chiffon cake buonissimo, farcito con crema al cioccolato bianco, qui trovate la ricetta, e praline di caffè ricoperte di cioccolato, ricoperta di panna montata e pdz.
La macchina fotografica è un semplicissimo pan di spagna, ricoperto di marmellata e pdz.



Buon compleanno fratellino...che la vita ti possa sorridere come hai sorriso tu alla vista di questa torta!!!! Buona fortuna!

Torta "Il carnevale di Venezia"

Esattamente due anni fa preparavo questa torta per il compleanno di mio fratello!!
Mi aveva detto che doveva organizzare una cena con gli amici e aveva deciso di scegliere un tema per la serata "Il carnevale di Venezia"....
Si sa che non c'è festa di compleanno senza torta....quindi toccava a me il difficile ruolo di realizzare una torta che meglio valorizzasse e concludesse la sua festa a tema.
La mia mente iniziò a viaggiare sull'onda della fantasia e dei colori del carnevale, facevo ricerche e guardavo foto su foto che ritraevano Venezia e le sue maschere, giravo nei negozi specializzati cercando la giusta ispirazione....poi....una semplice maschera bianca di plastica in mano....e l'ispirazione arrivò!!!
La base è una moka chiffon cake, farcita con crema al caffè senza uova, ricoperta di panna e pasta di zucchero con decorazioni in pasta di zucchero e zuccherini dorati.
L'elemento principale della torta è la maschera, interamente realizzata in pasta di zucchero e dipinta a mano con coloranti alimentari. Per realizzarla ho ricoperto la maschera bianca di plastica prima di pellicola trasparente e poi con uno strato di pasta di zucchero bianca, modellando per bene tutti i particolari e lasciandola asciugare per diversi giorni.
Questa torta la ricordo con particolare affetto, perché è stata la prima torta in cui mi sono lasciata completamente trasportare dalla passione per quello che stavo realizzando e la prima che mi ha emozionato talmente tanto da farmi uscire la lacrimuccia!!



Involtini di pollo con cuore di carciofi

Frullava nella mia testa l'idea di rivoluzionare leggermente un mio cavallo di battaglia, involtini di pollo ripieni, tanto amati da tutta la mia famiglia, ma che volevo riproporre con un ripieno diverso.
Pranzo in famiglia, dei buonissimi e accattivanti carciofi in frigo e dell'ottimo filetto di pollo, quale occasione migliore per sperimentare?
Mi son messa all'opera e la variazione proposta è stata accolta con successo da tutti i miei ospiti.


Ingredienti
Filetto di pollo
Carciofi
Scamorza affumicata
Scalogno
Limone
Pangrattato
Olio
Sale
Pepe
Acqua q.b.






Procedimento
Prima di ogni cosa, ho lavato e asciugato per bene il mio filetto di pollo, l'ho messo a macerare in una coppa con olio, sale, limone e un pizzico di pepe per un'oretta abbondante.
Nel frattempo ho proceduto con la pulizia e la cottura dei carciofi, ho inserito dei guanti e ho preparato una bacinella con il succo di un limone in modo da non far annerire i carciofi, ho eliminato le foglie esterne, ricavando il cuore, ho tagliato a metà e tolto la peluria interna. Ho tagliato alla julienne i carciofi e li ho cotti in padella con lo scalogno e un filo di olio, aggiungendo un mezzo bicchiere di acqua e coprendo con un coperchio, basteranno circa 15 minuti, all'occorrenza aggiungere altra acqua e regolare di sale.
Una volta pronti tutti gli ingredienti, ho passato, una alla volta, le fettine di pollo nel pangrattato e le ho farcite con una forchettata di carciofi e dei pezzettini di scamorza affumicata o bianca, se preferite, ho arrotolato ogni fettina stando ben attenta a non far fuoriuscire il ripieno, le ho sigillate con degli stuzzicadenti e messi in una pirofila oliata.
Ho cotto in forno per circa 30 minuti a 180°.
Servire calde con l'accompagnamento di tante patatine!!

Buon appetito.

Muffin cacao e yogurt ai frutti di bosco

Diverso tempo fa, era sabato sera, dovevano venire a cena mio fratello e la fidanzata, volevamo però fare qualcosa di diverso e movimentare un po' la serata......avevamo pensato di fare una cena fast food con hot dog e hamburger. Nel pomeriggio però, avevo già preparato questi buonissimi muffin e ho pensato di "americanizzarli" per renderli adatti alla serata, decorandoli con delle stelle in pasta di zucchero, una grande a strisce bianche e rosse e una più piccola blu con stelline bianche (per ricordare i colori della bandiera americana).
Per la ricetta di questi muffin ho rielaborato il mio Sofficissimo ciambellone bicolore allo yogurt!!
Mi è piaciuto soprattutto l'abbinamento di gusto....OTTIMI! 


Ingredienti rielaborati
per circa 12 muffin
1 yogurt ai frutti di bosco
2 uova
2 bicchieri (vasetto dello yogurt) di zucchero
2 bicchieri di farina
1 bicchiere di cacao amaro
1 pizzico di sale
1/2 bicchiere olio di semi
1/2 bicchiere latte
1 bustina lievito pan degli angeli











Procedimento:
In una ciotola ho unito cacao, farina, sale e lievito setacciandoli.
In un'altra ciotola ho montato le uova con lo zucchero, ho aggiunto le farine alternandole al latte, infine ho aggiunto l'olio e per ultimo lo yogurt.
Ho messo l'impasto nei pirottini e infornato (forno caldo) a 180° per circa 15-20 minuti, prova stecchino.
Una volta raffreddati li ho decorati con la pasta di zucchero!!

Caserecce funghi e carciofi

Oggi vi propongo un primo piatto piatto molto veloce da preparare con gli ingredienti di stagione.
Leggero e senza troppi grassi, adatto per chi vuole mantenersi in forma prima dell'abbuffata di dolci di carnevale!!!


Ingredienti
per 2-3 persone
4 carciofi
200 gr. funghi a piacere
(io ho usato gli champignon)
1 manciata di pinoli
1 spicchio di aglio
olio, sale e pepe
vino bianco








Procedimento
Pulire i carciofi e tagliare a listarelle i cuori, pulire e tagliare i funghi a fettine.
In un tegame rosolare uno spicchio di aglio nell'olio, aggiungere i pinoli, i carciofi e sfumare con del vino bianco, cuocerli qualche minuto e poi aggiungere i funghi.
Aggiungere un po' di acqua, salare e pepare, abbassare la fiamma e lasciar cuocere circa un quarto d'ora con coperchio.
Appena pronta la pasta, aggiungerla in tegame con un filo di olio a crudo e del prezzemolo tritato e mantecare.

Crema alla nocciola

Per la crema di nocciole, utilizzata come farcitura della torta per la mia dolce nonnina, ho proceduto con questa ricetta.


Ingredienti:
100 gr. nocciole pulite
500 ml. latte
1 uovo
110 gr. zucchero
20 gr. zucchero vanigliato
60 gr. farina










Procedimento:
Ricordandomi di una puntata di Cuochi e fiamme, in cui Simone Rugiati suggeriva di tostare la frutta secca per esaltarne il sapore e il profumo, per la preparazione di questa crema ho proceduto così.
Ho tostato, in padella, per circa 5-6 minuti le nocciole, le ho tritate nel bimby, unitamente ai 20 gr. di zucchero vanigliato a velocità Turbo per 1 minuto.
Nel frattempo ho riscaldato il latte. Nel bicchiere del mixer ad immersione ho poi messo le nocciole tritate e un bicchiere di latte caldo e ho frullato il tutto fino ad ottenere una cremina liscia ed omogenea, lasciando temporaneamente da parte.
In una pentola ho frullato l'uovo con lo zucchero, ho aggiunto la farina ed infine la cremina di nocciole, ho aggiunto il latte a filo, ho amalgamato per bene tutti gli ingredienti e ho riposto sul fuoco, continuando a mescolare fino a raggiungere il bollore. Ho spento il fuoco, ho spostato la crema in una ciotola di vetro e coperto con la pellicola trasparente, a pelle con la crema, per non far creare la patina superiore e ho lasciato raffreddare.

Torta "Trionfo di nocciole"

Oggi abbiamo festeggiato il compleanno della mia cara nonnina!!!
Le ho voluto preparare una torta classica, mi sono lasciata ispirare da lei e dalle torte che mi preparava da quando era piccola, semplici e tanto buone, sempre ricoperte esternamente da granella di nocciole.
Ho preparato quindi un semplice pan di spagna, inumidito con bagna di latte, acqua e amaretto di Saronno e farcito con una crema pasticcera alle nocciole e ricoperto con tanta, tanta panna, granella di nocciole, scritta con cioccolato fondente e fiori in pdz.


Non ti posso augurare 100 di questi giorni perché sei già arrivata a 97 anni e viverne altrettanti non so se sia possibile, ma ti auguro di cuore di poter vivere questi tuoi anni splendidamente e in salute come hai fatto finora!! Sei un grande esempio per noi!!!
Buon compleanno nonnina mia....ti voglio bene!!!!